Quarta di copertina

Brian ha vent'anni e un grosso peso che porta sulle spalle: due genitori che non sono stati capaci di fargli sentire il calore e l’unione di una famiglia vera.

Nonostante sia il portiere titolare di una prestigiosa squadra di calcio di serie A, convive col disagio legato alla popolarità che l’ha investito improvvisamente e che lo rende facile bersaglio dei cacciatori di gossip.

Dopo una serie di eventi che hanno messo in pericolo l’intesa fraterna con Karl, fedele amico e maestro che l’ha seguito nella sua trasformazione da bambino a giovane adulto, Brian riesce finalmente ad aprire il suo cuore a Susy, la prima ragazza di cui si innamora.

Il libro comincia con Brian in aereo che, da Los Angeles, è in procinto di rientrare a Roma in compagnia di suo padre, di sua madre e di Susy, con la speranza che la sua famiglia, dopo dodici anni, sia finalmente pronta a ricomporsi; e che lui sia finalmente pronto a vivere una relazione adulta con la sua ragazza.

Le speranze di Brian vengono presto disilluse: da un lato il dubbio che Susy, stellina emergente nel mondo dello spettacolo, si lasci consapevolmente manipolare dalla sua agente per acquisire sempre più popolarità, sfruttando i gossip di cui lui e la sua famiglia sono da sempre indiscussi protagonisti, non gli permette di condurre serenamente la sua storia d’amore; dall'altro l’irrequietezza della mamma che, in un momento di mancata lucidità, aggredisce suo padre lanciandogli contro oggetti contundenti, gli fa realizzare di aver mal riposto la fiducia in una famiglia che, in realtà, non è mai stata tale.

I dissapori con Susy sfociano in una lite dai toni aspri e accesi che mettono in discussione i loro sentimenti. Ciò porta Brian ad avvicinarsi sempre di più a Vera, la misteriosa ragazza bionda che il giovane portiere ha più volte visto seduta accanto a Karl sulla panchina del campo di calcio.